Home

 

Calendario

 

Programmi

 

Lezioni-concerto

 

Pubblicazioni didattiche

 

Conferenze-concerto

 

Mostre

 

Discografia

 

Contatti

 

Immagini

 

Accademia Viscontea

 

 

LA MUSICA NELLA DIDATTICA

Anno scolastico 2005 - 2006

 

METODOLOGIA

 

Gli esecutori dell’Accademia Viscontea, oltre che eccezionali musicisti, sono ottimi relatori, capaci di entrare in sintonia con le “corde” degli studenti, anche su tematiche molto tecniche o di settore, quali potrebbero essere le caratteristiche degli strumenti e la loro storia evolutiva

(Liceo Scientifico Russel, Garbagnate)

 

Anche quest' anno tre classi del liceo Leonardo hanno goduto del festoso e utilissimo appuntamento con l'Accademia Viscontea. Lo spettacolo non ha fatto che confermare la grande perizia dei membri dell'Accademia Viscontea sia come musicisti sia come comunicatori: non un momento di noia, qualche chiacchiera qua e là dovuta più che altro alla curiosità per gli strumenti non ancora spiegati, risate di fronte ai racconti e alla mimica degli esecutori, e tanti applausi. I ragazzi sono apparsi ai musicisti decisamente reattivi e partecipi.

(Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, Milano)

 

Il programma è ben strutturato, ottima la capacità degli esecutori di comunicare con gli studenti, coinvolgendoli, efficace il  ricreare l’atmosfera del tempo attraverso la musica, consentendo di entrare veramente in sintonia con il mondo medievale.Il programma si inserisce e completa lo studio della letteratura e dell’arte del terzo anno. 

(Liceo Scientifico Levi, San Donato)

 

Gli esecutori, in un binomio di apprezzabile qualità, uniscono alle individuali capacità artistiche la decennale esperienza di docenti, progressivamente affinatasi e sempre molto attenta all’efficacia della comunicazione con gli studenti

(Liceo Scientifico Bramante, Magenta)

 

 

Qualità della comunicazione: chiara e adeguata al pubblico per quanto concerne l’esposizione; suggestiva l’esecuzione dal vivo dei brani proposti; molo utile l’attenzione agli strumenti musicali usati in età medievale; opportuna la proiezione di immagini correlate ad esse. Sono emerse la serietà e la professionalità dei relatori.

(Liceo Classico Beccaria, Milano)

 

La metodologia didattica e la capacità espositiva degli esecutori è apparsa completamente soddisfacente

(Istituto d’Arte, Monza)

 

La validità didattica dei programmi presentati hanno fatto si che nella prassi questo divenisse un momento significativo della programmazione dei Docenti.

(Liceo Scientifico Cavalleri, Parabiago)

 

Grande l’abilità esecutiva, ma anche le spiegazione verbali, che introducono e accompagnano le esecuzioni, sono state proposte in modo chiaro e sintetico, con una accattivante capacità di attualizzarle e riferirle all’esperienza dei ragazzi.

(Liceo Scientifico Majorana, Desio)

 

L’incontro ci è apparso esauriente e ben articolato nelle diverse parti, realizzato in nodo tale da favorire l’attenzione e il coinvolgimento dei ragazzi che hanno espresso valutazioni molto positive sia relativamente ai contenuti che alle modalità di rappresentazione.

(Liceo Artistico Fontana, Arese)

 

L’Accademia Viscontea ha fatto rivivere attraverso la musica e le immagini dell’arte del tempo, lo stile di vita di quell’epoca in Italia e nelle maggiori capitali europee, il tutto con una ricaduta positiva sull’apprendimento degli alunni.

(Istituto d’Arte, Giussano)

 

Anche quest’anno il programma concordato con il Settore Istruzione della Provincia di Milano si è svolto puntualmente e le lezioni sono state apprezzate dagli studenti e dagli insegnanti per la competenza e l’efficacia didattica.

(Liceo Scientifico Cremona, Milano)

 

PROGRAMMA

 

Il programma proposto ha una notevole validità culturale e didattica, consentendo alle classi di integrare l’esplorazione conoscitiva di un’epoca tanto significativa per la storia della nostra civiltà con elementi di cultura musicale, settore colpevolmente trascurato dai normali piani di studio. Il riscontro con i programmi curricolari è risultato pertanto molto significativo.

(Istituto d’Arte, Monza)

 

Il programma proposto ha un’ottima valenza didattica, perché se da un lato integra e completa i programmi curriculari, in particolare di letteratura italiana, straniera e storia, dall’altra offre una prospettiva diversa e suggestiva da cui conoscere la cultura complessiva dell’età rinascimentale.

(Liceo Scientifico Majorana, Desio)

 

La validità del programma è totale. tali lezioni, infatti, non solo sopperiscono alla grave carenza di un programma istituzionalizzato di educazione musicale, ma mostrano anche ai ragazzi l’importanza del mondo sub specie sonora.

(Liceo Scientifico Levi, San Donato)

 

La musica barocca e in generale la “teatralità” che caratterizzò quell’epoca è poco spiegabile con le lezioni frontali di italiano o storia, mentre trova un suo naturale collocamento in questa lezione-spettacolo che, mentre spiega, esemplifica nel modo più diretto ed efficace quello che le parole da sole, in questo caso, non riuscirebbero a testimoniare.

(Liceo Scientifico Russel, Garbagnate)

 

In merito alla lezione-concerto tenuta dall’Accademia Viscontea desideriamo comunicare il nostro più completo e totale soddisfacimento. Quest’anno il programma è stato riservato alle classi Terze, in sintonia con il programma di Italiano e Storia, venendo a coprire pur in parte ed in un ambito ristretto la ben nota lacuna d’origine della nostra scuola in campo di educazione musicale. Il ripercorrere per un sentiero diverso (quello della musica) il cammino già fatto (quello storico-letterario) a questo punto dell’anno ha permesso una maggiore comprensione delle relazioni intercorrenti tra i vari aspetti della società e della mentalità medievale.

(Liceo Scientifico Bottoni, Milano)

 

Tale progetto rappresenta ormai per il nostro Istituto un appuntamento costante: il riscontro con i programmi curricolari, la possibilità di istituire raccordi pluridisciplinari (Letteratura italiana-Letterature straniere, Storia e Storia dell’Arte) e di analizzare i fenomeni storico-culturali da una diversa prospettiva che consenta di integrare dati e temi affrontati nell’ambito delle singole discipline e di pervenire ad una visione di insieme, la ricaduta positiva sull’apprendimento degli alunni mediante un approccio imperniato sulla musica, una realtà certamente per loro molto importante nella dimensione quotidiana

(Liceo Scientifico Cavalleri, Parabiago)

 

Il programma proposto bene si inserisce e si armonizza con i contenuti dei programmi curricolari di Letteratura italiana e straniera, ponendosi come ampliamento e in qualche caso completamento di conoscenze già apprese.

(Liceo Scientifico Bramante, Magenta)

 

Contenuti: curati dal punto di vista filologico e dell’ambientazione storica, con frequenti riferimenti al contesto letterario, artistico-culturale, sociale e della mentalità del tempo.

(Liceo Classico Beccaria, Milano)

 

Personalmente, da “veterana” degli spettacoli dell' Accademia Viscontea, posso dire di aver imparato qualcosa di nuovo anche questa volta, e di aver trovato nuovi spunti e “collegamenti” con gli argomenti svolti o da svolgere. L' atmosfera dei Decameron è stata evocata in aspetti che solitamente la lettura antologica trascura: quelli della cornice, in cui il canto e la danza coronano la bellezza dello stare insieme (tali aspetti hanno non poco rilievo nello spiegare i riferimenti danteschi  al canto e alla danza, soprattutto di donne, in momenti di grande pregnanza simbolica della Commedia); l' Allegoria del Buon Governo del Lorenzetti si è confermata come testo emblematico della civiltà medievale agli occhi dei ragazzi; il goliardico In taberna quando sumus, affrontato come testo poetico in seconda liceo, ha recuperato tutto il suo senso e la sua forza allusiva e trasgressiva. Di più: nel ricostruire le vicende della ballata L' acqua corre alla borrana tra Decameron, giochi popolari e filastrocche, i relatori hanno dato una lezione molto comprensibile di metodo filologico, facendone intravedere ai ragazzi la complessità. 

(Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, Milano)

 

 

RICADUTA DIDATTICA /

PARTECIPAZIONE E COINVOLGIMENTO  DEGLI  STUDENTI

 

Per gli studenti rappresentava un’esperienza nuova, la lezione-concerto ha riscosso molto successo: gli studenti hanno espresso la loro soddisfazione e il desiderio di estendere questa iniziativa che permette loro di apprendere, anche divertendosi

(Liceo Scientifico Levi, San Donato)

 

Gli alunni, apparsi sin dall’inizio attenti e coinvolti, hanno ammirato l’abilità esecutiva dei musicisti apprezzandone anche la capacità espositiva. L’argomento affrontato nei programmi di italiano e storia, è stato pertanto ulteriormente approfondito.

(Liceo Classico Manzoni, Milano)

 

Gli studenti sono stati rapiti dalla musica e dalle spiegazioni molto chiare ed efficaci. È stato stupefacente vedere in quale atmosfera di totale raccoglimento gli artisti sono stati accolti e ascoltati.

Pertanto ritengo sia un’iniziativa meritevole perché apre agli studenti l mondo della musica che purtroppo nelle scuole superiori italiane è assente. Ottimi collegamenti pluridisciplinari tra storia, letteratura, arte (pittura) e musica, preziosi soprattutto in un Liceo Artistico. Questa lezione ha come ricaduta nelle discipline di indirizzo la creazione di elaborati plastico-tridimensionali (discipline plastiche) nella varie realtà locali ed europee; la rielaborazione del teatro settecentesco in letteratura e in arte.

(Liceo Artistico di Brera, Milano)

 

Fra le reazioni più interessanti dei ragazzi va segnalata l' ammirazione per la versatilità dei musicisti (“Ma quanti strumenti sa suonare ciascuno?!”), meraviglia ingenua e da “non addetti ai lavori”, ma che riflette anche, purtroppo, la rigidità con cui la maggior parte di loro concepisce l' apprendimento e l' acquisizione di competenze. Pari ammirata simpatia ha suscitato il fatto che i musicisti, e in particolare il cantante, recitassero durante l' esecuzione  dei brani, conferendo loro, pur in uno spazio davvero esiguo (poco più di un metro fra il bancone e i gradoni del pubblico), il carattere di una piccola rappresentazione teatrale.

(Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, Milano)

 

Il rapporto instaurato con l’Accademia Viscontea ci ha permesso nel corso degli anni di sperimentare la forte efficacia didattica e l’impatto emotivo su un pubblico di giovani in virtù anche dell’uso di mezzi multimediali e della possibilità di verificare da vicino le tecniche esecutive, i materiali e gli effetti sonori dei vari strumenti, aldilà dei brani eseguiti.

(Liceo Scientifico Bottoni, Milano)

 

Partecipazione degli studenti: gli studenti si sono dimostrati molto attenti e coinvolti nell’attività proposta.

Ricaduta didattica: l’intervento è risultato estremamente opportuno come integrazione alla trattazione curricolare dei contenuti letterari, storici e artistici relativi all’età medievale. Gli studenti hanno partecipato con attenzione e interesse e al termine dello spettacolo con numerosi interventi hanno chiesto chiarimenti ed approfondimenti. L’iniziativa ha avuto una notevole ricaduta positiva sull’apprendimento degli studenti.

(Istituto d’Arte, Monza)

 

Ottima la partecipazione e il coinvolgimento degli studenti che hanno riscontrato nella lezione un valido approfondimento degli stessi argomenti affrontati nelle lezioni di Italiano e Storia e Storia dell’Arte con i propri docenti.

(Istituto d’Arte, Giussano)

 

L’intervento dell’Accademia Viscontea si è sempre rilevato un incontro in assoluta coincidenza con i programmi curricolari (che arricchisce e approfondisce, al contempo consolidandoli) e un incontro gradito dagli studenti (dai più bravi ai meno bravi, dai più studiosi ai più “lazzaroni”) che vivono le due ore di lezione con interesse e a tratti con vera e propria passione.

(Liceo Scientifico Russel, Garbagnate)

 

La partecipazione è stata non solo attenta, ma anche attiva, in quanto gli artisti hanno coinvolto gli studenti in un crescendo che alla fine li a visti battere il tempo. Entusiasmo e curiosità anche dopo l’esecuzione nel conoscere direttamente gli strumenti musicali.

(Liceo Scientifico Majorana, Desio)

 

Anche quest’anno la partecipazione dei ragazzi è risultata attiva, oltre che stimolante e coinvolgente; i docenti che hanno assistito, sia i promotori dell’iniziativa, insegnanti di materie letterarie, che gli accompagnatori delle classi, hanno apprezzato e valutato positivamente il programma proposto. Nelle discussioni in classe e nelle verifiche che sono seguite si è avuto modo di riscontrare la buona ricaduta didattica di queste lezioni-concerto che corrispondevano ai contenuti proposti durante l’anno, completando l’analisi soci-culturale del periodo in esame con approfondimenti su taluni aspetti a volte un po’ ai margini del lavoro scolastico.

(Liceo Artistico Fontana, Arese)

 

 

RICHIESTE/OBIETTIVI/PROGRAMMAZIONE

 

Per la sua rilevanza didattica e culturale, l’adesione al progetto è ormai parte della programmazione didattica dell’Istituto, che intende proseguire la collaborazione e chiede di poter usufruire dell’iniziativa anche nei prossimi anni scolastici.

(Istituto d’Arte, Monza)

 

I docenti di lettere e storia e filosofia presenti alla lezione hanno espresso commenti a favore dell’iniziativa, auspicando l’individuazione di un “percorso musicale” da realizzare nei prossimi ani scolastici. Si ringrazia, quindi, dell’opportunità offerta, complimentandosi per l’intelligente iniziativa.

(Liceo Classico Manzoni, Milano)

 

L’adesione al progetto verrà confermata nel prossimo anno scolastico nella sua interezza. Questa opportunità è senza dubbio da riproporsi e da estendersi.

(Liceo Scientifico Levi, San Donato)

 

L’Istituto si augura di potersi avvalere della medesima iniziativa anche negli anni a venire, essendo le lezioni.- concerto diventate dal 1992 parte integrante della programmazione didattica. 

(Liceo Scientifico Bramante, Magenta)

 

Si manifesta la volontà e il desiderio di aderire all’iniziativa anche nei prossimi anni scolastici.

(Istituto d’Arte, Giussano)

 

Da parecchi anni il Progetto “Musica nella didattica” è parte integrante del Piano dell’Offerta  Formativa del nostro Istituto come punto di riferimento nella programmazione curricolare degli insegnanti soprattutto di Storia e di Letteratura del triennio, in quanto la lezione-concerto si è rivelata un’attività didattica particolarmente gradita agli studenti ed  efficace a giudizio unanime dei docenti, al fine disintegrare il percorso formativo di sensibilizzazione sui linguaggi espressivi non verbali. Con l’esperienza si è andato via via consolidando un programma di lezioni – concerto che accompagni e integri dal punto di vista della cultura musicale, lo studio della storia e della letteratura: in terza la musica nel Medioevo, in quarta la musica nel Rinascimento o nell’Età barocca, in quinta …

(Liceo Scientifico Cremona, Milano)

 

Nel nostro liceo l’adesione al progetto “La musica nella didattica” risale ad anni fa ed è ormai parte integrante della programmazione didattica. C’è un diffuso desiderio di continuare in questa iniziativa e di usufruire anche per l’anno prossimo.

(Liceo Scientifico Majorana, Desio)

 

In considerazione dell’importanza e della significatività dell’iniziativa, da tempo sperimentata, il nostro Istituto gradirebbe seguitare a beneficiarne anche nei prossimi anni scolastici.

(Liceo Scientifico Cavalleri, Parabiago)

 

Considerate le valutazioni positive di cui sopra, si è presa in considerazione l’opportunità d’inserire il progetto nella programmazione didattica dell’Istituto e di riproporre eventualmente variando le tematiche o integrandole con altre fra quelle proposte, anche nei prossimi anni scolastici.

(Liceo Artistico Fontana, Arese)

 

È probabile che nel corso dei prossimi anni scolastici il Liceo decida di avvalersi anche di altre lezioni.

(Liceo Scientifico Russel, Garbagnate)

 

Egregio prof. Giansandro Barzaghi, in qualità di docente referente della commissione cultura… mi preme sottolinearle l’ottima riuscita dell’iniziativa LA MUSICA NELLA DIDATTICA. Da diversi anni armai abbiamo avuto modo di apprezzare la valenza didattica di tale iniziativa che raccoglie, sia l’interesse degli studenti, sia apprezzamento da parte di docenti che ne riconoscono l’efficacia, la qualità e la spendibilità negli itinerari disciplinari. In particolare quest’anno abbiamo ascoltato il programma sul “Barocco” eseguito dall’Accademia Viscontea di cui apprezziamo la serietà professionale, la capacità espositiva, nonché la capacità di coinvolgimento degli alunni. Mi preme anche sottolineare l’opportunità offerta agli studenti di arricchimento delle loro conoscenze e la positiva ricaduta sul loro apprendimento. Ricordo ancora che è ormai più di un decennio che il nostro Istituto si avvale del progetto LA MUSICA NELLA DIDATTICA, che è ormai parte integrante della progettazione didattica. Auspico quindi che data l’importanza di tale iniziativa anche nei prossimi anni si possa continuare ad usufruire di tale prezioso contributo.

(ITI Mattei, San Donato Mil.)

 

Egregio prof.  Barzaghi, anche quest’anno, abbiamo avuto l’opportunità di usufruire di una lezione-concerto offerta dalla Provincia di Milano. Il concerto scelto quest’anno è stato “Voci, ritmi e strumenti del Medioevo” dell’Accademia Viscontea. Abbiamo scelto ripetutamente le lezioni dell’Accademia Viscontea, perché vengono proposti periodi di vita vissuta della società dell’epoca. La lezione vivace e ben eseguita e crea apprendimento con divertimento non tralasciando un diretto riscontro nei programmi curricolari. Queste lezioni sono attese e richieste, anno dopo anno, e fanno parte della programmazione didattica dell’istituto. Molti dei nostri studenti appartengono a una fascia sociale che rende difficile aver altre opportunità per arricchire la loro formazione umana e culturale e perciò noi cogliamo tutele occasioni valide come le lezioni-concerto, perché, negli anni, hanno dato un riscontro positivo e importante nel ricordo degli studenti. Speriamo che l’offerta dei Concerti per le scuole da parte della Provincia continui nel tempo confermando la valenza sociale e culturale. Certi della Sua attenzione al tema, attendiamo di poter continuare sul cammino intrapreso  e Le auguriamo di poter continuare il Suo lavoro in questo ambito.

(ITI Besta, Milano)

 

L' iniziativa, come si è accennato sopra, è ormai tradizione nell' Istituto, ed è peccato che non possa essere offerta con le stesse modalità a un gruppo di classi di ciascun anno del triennio. Oltre ad avere utilità didattica, infatti, essa risponde ad un interesse per la musica che hanno molti studenti. È quindi auspicabile che, per la ricchezza dei contenuti e per l’efficacia metodologica, la lezione-concerto venga tenuta anche nei prossimi anni.

(Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, Milano)

 

Si intende riproporre l’iniziativa, eventualmente estendendola ad altre lezioni-concerto.

(ITC Levi, Seregno)

 

I docenti che hanno progettato e preso parte all’intervento dell’Accademia Viscontea ritengono tale attività di alto valore formativo ed auspicano che l’iniziativa possa essere ripetuta i prossimi anni scolastici.

(Liceo Classico Beccaria, Milano)

 

Speranzosi che questa esperienza possa ripetersi nel tempo, vi ringraziamo cordialmente per la vostra disponibilità.

(Liceo Artistico di Brera, Milano)

 

La consuetudine instaurata dal nostro Liceo in materia di esecuzioni musicali in orario scolastico, si aggiunge alla collaborazione con le Serate Musicali e con il Teatro alla Scala ed è diventata parte integrante della programmazione annuale del Liceo anche per i prossimi anni. Ma per forza di cose è solo la lezione-concerto del mattino che coinvolge un maggior numero di studenti, e pertanto rivolgiamo un ringraziamento a codesta Amministrazione Provinciale per l’attenzione da anni dimostrata verso questo particolare settore della cultura.

(Liceo Scientifico Bottoni, Milano)

 

inizio pagina